Alterazioni delle mestruazioni iperprolattinemia: cosa implica

Comment

Altri articoli Mestruazioni
alterazioni delle mestruazioni iperprolattinemia
Pubblicità

Alterazioni delle mestruazioni iperprolattinemia

Le alterazioni delle mestruazioni possono causare anche iperprolattinemia che si associa spesso alla anomalia del ciclo mestruale nota come oligomenorrea, si evidenzia in questo caso un valore superiore di prolattina rispetto a quello normale quando l’ormone secreto dalla ghiandole endocrine a livello ematico risulta eccessivo rispetto alla soglia limite, che è pari a 20 nanogrammi per litro. Se una donna non è incinta i suoi valori ematici sono bassi, infatti quest’ormone viene prodotto in particolare durante la gravidanza e nella fase dell’allattamento, in quanto la prolattina stimola la produzione del latte materno, può capitare talvolta che la prolattina risulta alta in associazione ad una condizione patologica, che però non desta particolare preoccupazione in quanto non è grave. Può capitare che a causa di alcune alterazioni mestruali si registri un’eccessiva produzione di quest’ormone, in genere l’iperprolattinemia è associata  all’oligomenorrea ossia a mestruazioni con ciclo scarso, ma anche all’amenorrea, ossia all’assenza prolungata delle mestruazioni. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Alterazioni del flusso mestruale ipermenorrea.

Pubblicità

Cause organiche dell’anomalia

alterazioni delle mestruazioni iperprolattinemia

alterazioni delle mestruazioni iperprolattinemia

Altri fattori eziologici concorrono alla manifestazione della condizione di iperprolattinemia, bisogna infatti segnalare anche delle cause organiche che devono essere esaminate attentamente, si tratta di situazioni quali: ovaio policistico; ovaie poco sviluppate; utero infantile; tumori dell’ipofisi; malattie della tiroide; assunzione di specifici integratori alimentari, come il fieno greco ed il trifoglio, oppure di psicofarmaci o di farmaci per l’ipertensione;  periodi di forte stress. L’iperprolattinemia si individua a partire dagli esami del sangue, attraverso il controllo dei dosaggi ormonali, si possono poi eseguire delle analisi più approfondite che permettono di risalire all’origine del problema per poter così adottare lo specifico trattamento tra cui la terapia ormonale sostitutiva, anche la prescrizione della pillola contraccettiva a base progestinica può essere un ausilio valido. Altre informazioni utili si trovano su Mestruazioni alterazioni: i fattori da prendere in considerazione.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *