Amenorrea sintomi e trattamenti

Comment

Altri articoli Amenorrea
amenorrea sintomi
Pubblicità

Amenorrea sintomi: il quadro clinico

L’assenza di mestruazioni nelle donne può essere imputata a vari problemi relativi al funzionamento delle ovaie, o anche a disturbi che riguardano le ghiandole che controllano i livelli degli ormoni. Sono da ascrivere all’amenorrea sintomi molto diversi tra loro quali: la secrezione di liquido sieroso dai capezzoli, un problema detto galattorrea; una maggiore peluria sul viso; la perdita di peso; l’insorgenza dell’acne; cambiamenti nella vista; abbassamento della voce; la perdita di capelli; mal di testa. A seconda della relativa eziologia che provoca nelle donne l’amenorrea si possono verificare diversi quadri sintomatologici. Per risolvere il disturbo e con esso la manifestazione dei vari fattori che si accompagnano con l’assenza del flusso mestruale è necessario rivolgersi al proprio ginecologo, il quale dopo aver valutato il quadro clinico della paziente potrà prescrivere la terapia più adatta, volta a contrastare le cause dell’amenorrea ma allo stesso tempo valida anche per risolvere i diversi sintomi. È importante eliminare la causa di cui l’assenza di mestruazioni è solo un segnale indicativo per poter così evitare eventuali complicazioni che possono anche portare all’infertilità o all’osteoporosi. Maggiori notizie si trovano su Ciclo mestruale ritardo: irregolarità mestruali.

Pubblicità

Trattamenti e consigli

amenorrea sintomi

amenorrea sintomi

Tenendo conto dell’eziologia che determina l’amenorrea si potrà prescrivere il trattamento più adeguato. In caso di amenorrea primaria non è richiesta una cura specifica, in quanto risulta decisivo risolvere la causa del problema: spesso il medico prescrive l’assunzione delle pillole contraccettive con l’obiettivo di ripristinare la regolarità del ciclo mestruale. Quando l’amenorrea è determinata da disturbi della tiroide o dell’ipofisi allora sono previste delle specifiche terapie farmacologiche. In caso di squilibri ormonali si suggerisce l’assunzione del progesterone per una o due settimane ogni mese. Se si riscontra la presenza di un tumore o un blocco strutturale spesso la sola strada da intraprendere è quella chirurgica, invece se una donna è stata colpita da tumore della ghiandola pituitaria si interviene con la bromocriptina, un farmaco che mira a limitare la secrezione ormonale. Per ulteriori informazioni si rimanda all’articolo Cause amenorrea anatomiche, endocrine e genetiche.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *