Amenorrea stress: il legame

Comment

Amenorrea
Pubblicità

Amenorrea stress: il legame

In età fertile le donne possono risentire di alterazioni legate al ciclo mestruale, tra cui la mancanza di flusso mestruale dovuta ad un ritardo prolungato delle mestruazioni oppure alla loro totale assenza, questa condizione viene definita amenorrea e può dipendere dallo stress. La condizione di amenorrea è connessa in genere a fattori endocrini e ginecologici, ma hanno un peso rilevante anche quelli psicologici, se la causa di tale alterazione è lo stress si è in presenza dell’amenorrea ipotalamica, dovuta ad una condizione di disequilibrio psicofisico che arresta il flusso mestruale per diverso tempo. Lo stress, sia mentale che psicofisico può avere delle ripercussioni dirette sulle mestruazioni. L’amenorrea ipotalamica funzionale, colpisce circa il 5% delle donne fertili, e richiama il coinvolgimento diretto dell’ipotalamo, ossia di quella componente del sistema nervoso che ha il compito di elaborare i segnali di tipo emotivo. Ma in presenza di uno squilibrio endocrino strettamente dipendente da uno sbilanciamento energetico, il corpo tende a risparmiare sulle funzioni non indispensabili alla sopravvivenza. Altre notizie su: https://salute.pourfemme.it/articolo/amenorrea-da-stress-sintomi-cause-cure-e-rimedi-naturali/26895/.

Pubblicità

Come si interviene

amenorrea stress

amenorrea stress

La cessazione delle mestruazioni da imputare allo stress si riscontra come una conseguenza di tipo funzionale a carico dell’ipotalamo, che in presenza di stress, cessa la secrezione del Gonadotropin Releasing Hormon (GnRH), l’ormone di rilascio delle gonadotropine, per questo le ovaie non sono più sottoposte a stimolazione ormonale ed il ciclo mestruale subisce un arresto. Quindi si può osservare la scomparsa del flusso mestruale come risposta diretta alla mancata secrezione di GnRH. Nel caso di amenorrea provocata da stress fisico, che tende a colpire soprattutto le atlete, le sportive e le donne anoressiche o troppo magre, si verifica tale alterazione come meccanismo di difesa del corpo. Per regolarizzare le mestruazioni sarà necessario eliminare le fonti di tensioni emotiva e fisica, inoltre è importante seguire una dieta più sana cercando di evitare le possibili carenze di vitamine (D e B12) e di minerali (zinco e ferro). Chi soffre di questo disturbo, dovrebbe sottoporsi ad analisi del sangue ed esami ginecologici per escludere la presenza di disturbi mestruali legati a quadri patologici.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *