Cistite interstiziale e concepimento

Comment

Concepimento
Pubblicità

Cistite interstiziale e concepimento

Anche se non sussiste alcuna relazione diretta tra cistite interstiziale e concepimento, nel senso che di per sé il quadro patologico non esercita alcuna influenza negativa sulla fertilità femminile, nel senso che non viene intaccata, va precisato che si tratta di una problematica alquanto dolorosa durante i rapporti sessuali per cui può limitare l’intimità riducendo così le possibilità di concepimento. Questa patologia si caratterizza infatti per la manifestazione di sintomi ricorsivi quali: dolore a livello del basso ventre, bruciori, episodi di incontinenza, dolore vaginale, impulso costante ad urinare. La cistite interstiziale a causa dei sintomi dolorosi può inficiare la qualità della vita delle donne causando anche dei problemi dal punto di vista della vita sessuale ostacolando gli incontri amorosi che risultano dolorosi durante l’atto ma anche preceduti e seguiti da fastidio; nelle donne infatti i sintomi possono peggiorare durante le mestruazioni e durante i rapporti sessuali. Dal punto di vista eziologico ancora non sono note le cause esatte che determinano l’insorgenza di questa forma di cistite cronica, inoltre al momento non sono disponibili test specifici che permettono di diagnosticare la problematica, per cui la patologia viene identificata mediante una diagnosi differenziale e quindi per esclusione con condizioni patologiche che presentano manifestazioni analoghe.

Pubblicità

Le cause che potrebbero determinare la cistite interstiziale

Cistite interstiziale e concepimento

Cistite interstiziale e concepimento

Anche se non è certa la sua eziologia si ipotizzano diversi fattori eziologici che potrebbero giocare un ruolo decisivo nello sviluppo della cistite interstiziale e tra le ipotesi più comunemente sostenute dai ricercatori bisogna segnalare la tesi che identifica la causa di questo disturbo in un difetto dell’epitelio della vescica che non sarebbe in grado di contrastare le sostanze irritanti dell’urina che hanno così modo di penetrare nella vescica; c’è chi invece attribuisce alla stessa composizione dell’urina delle sostanze che vanno a danneggiare gli strati della vescica; alcuni ricercatori invece considerano questa forma di cistite una malattia autoimmunitaria per cui il sistema immunitario dell’organismo attaccherebbe erroneamente la vescica; un’altra spiegazione attribuisce un ruolo fondamentale ai mastociti, delle cellule infiammatorie, che rilascerebbero istamina ed altre sostanze chimiche che causano irritazione della vescica; si ipotizza inoltre che il quadro patologico sia da ascrivere a variazioni di percezione dei nervi deputati alla trasmissione delle sensazioni della vescica, per cui fattori che normalmente non provocano dolore diventano dolorosi.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *