Come si tratta la sindrome da dolore pelvico cronico

Comment

Altri articoli
Pubblicità

Sindrome da dolore pelvico cronico

Anche se non è sempre facile identificare il dolore pelvico, dopo aver diagnosticato questo sintomo che può dipendere da molti fattori, non sempre di natura ginecologica, ad oggi la sindrome da dolore pelvico cronico (CPPS – Chronic Pelvic Pain Syndrome) può essere curata affidandosi a diversi e specifici approcci terapeutici. Risulta frequentemente difficile identificare il disturbo in quanto la popolazione femminile è disinformata su tale tema ed inoltre spesso la condizione viene sottovalutata dal punto di vista ginecologo; inoltre non è semplice individuare la problematica che prevede il ricorso ad una diagnosi differenziale con lo scopo di escluder le possibili cause di tipo fisiologico. Le donne colpite da sindrome da dolore pelvico cronico devono infatti sottoporsi ad un percorso diagnostico-terapeutico alquanto articolato in quanto sono necessarie più visite impostando un approccio multidisciplinare. Questo perché solo attraverso la formulazione di una rapida diagnosi permette di poter intervenire impostando un accurato e mirato esame clinico per avvalorare la reale esistenza del disturbo. Dal punto di vista medico, la sindrome da dolore pelvico cronico viene descritto dalle donne che ne sono colpite come un fastidioso, lancinante, assillante tanto da avere un significativo impatto sulla stessa qualità della vita in quanto provoca disagio e frustrazione. Per approfondire l’argomento si rimanda alla lettura di http://www.donnatop.com/sindrome-da-dolore-pelvico-cronico-malattia-che-colpisce-1-donna-su-3/.

Pubblicità

I principali approcci terapeutici

sindrome da dolore pelvico cronico

sindrome da dolore pelvico cronico

Per sensibilizzare la popolazione femminile e far conoscere il disturbo, negli ospedali con i Bollini Rosa è disponibile la brochure “Conoscere, comunicare, curare il dolore pelvico cronico” che ha lo scopo di conoscere la malattia e di promuovere diverse attività informative e di prevenzione. Tra gli approcci terapeutici che possono essere intrapresi dalle pazienti vengono raccomandate delle modificazioni comportamentali e dello stile di vita a partire dall’adozione di corrette consuetudini alimentari, da correlare a delle regolari abitudini minzionali da sostenere con la modifica di eventuali alterazioni dell’alvo. È importante anche la riabilitazione del piano perineale che fa lavorare la muscolatura del pavimento pelvico, eseguendo una serie di semplici esercizi che contribuiscono a ridurre i sintomi ed a migliorare la qualità della vita della donna; per trattare il dolore pelvico cronico viene raccomandata inoltre la terapia manuale che include la pratica di diversi trattamenti quali: massaggio di Thiele, terapia manuale, tecniche di desensibilizzazione.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *