Concepimento in premenopausa

Comment

Altri articoli Concepimento
concepimento in premenopausa
Pubblicità

Concepimento in premenopausa: irregolarità

Anche se non è raro registrare casi di donne che portano a termine una gravidanza avanti negli anni come conseguenza del concepimento in premenopausa, talvolta quando si verifica l’impianto di una gravidanza in una donna prossima al periodo dell’infertilità si possono evidenziare dei rischi non di poco conto, che si traducono in aborti spontanei, il altri casi invece possono sorgere delle anomalie cromosomiche nel nascituro. Tra i primi sentori che annunciano l’inizio della premenopausa ci sono le prime irregolarità del ciclo mestruale: le donne possono non solo andare incontro mestruazioni scarse oppure abbondanti, ma possono anche evidenziare delle alterazioni nella stessa ciclicità: il ciclo mestruale può presentarsi in periodi diradati, l’intervallo tra una mestruazione e l’altra supera i 32 o i 35 giorni, in tal caso si va incontro all’oligomenorrea; se invece le mestruazioni  tendono a presentarsi con più frequenza allora si parla di polimenorrea. Per approfondimenti si rimanda alla lettura dell’articolo Concepimento dopo i 35 anni: il calo della fertilità.

Pubblicità

Fertilità ed età

concepimento in premenopausa

concepimento in premenopausa

I cicli mestruali in premenopausa possono essere anovulatori oppure possono evidenziare una fase luteale insufficiente determinando così delle influenze sulla capacità di concepimento delle donne. In particolare l’età incide sulla fertilità in modo bi-esponenziale: già dopo la nascita si avvia un progressivo calo della riserva ovarica delle donne quindi la capacità riproduttiva si esaurisce a partire da alcuni anni prima della menopausa. In premenopausa, che può durare qualche mese oppure anni, si assiste così ad una progressiva riduzione dell’attività follicolare ovarica che provoca una serie di manifestazioni sintomatologiche a livello ormonale, fisiologico, vasomotorio e psicologico. Se si vuole monitorare concretamente la disponibilità della riserva ovarica di una donna è necessario controllare i livelli dell’ormone Anti-Mülleriano (AMH) mediante un prelievo di sangue: se si ha una sufficiente riserva ovarica allora si hanno maggiori possibilità di diventare mamma anche in premenopausa. Maggiori notizie si trovano su Concepimento dopo i 40 anni: i rischi.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *