Diagnosi dismenorrea nelle adolescenti: linee guida

Comment

Dolori mestruali
Pubblicità

Diagnosi dismenorrea nelle adolescenti: linee guida

L’American College of Obstetrics and Gynecology (ACOG) ha redatto delle specifiche linee guida per formulare la diagnosi della dismenorrea nelle adolescenti, facilitando così la corretta identificazione di questa condizione e l’intervento da mettere in atto. Molto spesso si registrano delle difficoltà diagnostiche che impediscono di identificare fra le adolescenti la dismenorrea, in quanto condizione patologica sottostimata in questo target di soggetti. In base a quanto indicato dalle linee guida pubblicate da ACOG, nella maggior parte dei casi le pazienti avvertono dolore mestruale, questo sintomo rappresenta la principale spia della dismenorrea da ascrivere alle prostaglandine. Nel caso in cui si sospetta la dismenorrea primaria, come pratica clinica non è indicato di effettuare né un esame pelvico né un’ecografia a livello pelvico. Seguendo le linee guida è possibile valutare quando sia indispensabile eseguire un esame pelvico o un’ecografia pelvica e quando sottoporre le pazienti ad una più impegnativa laparoscopia diagnostica. Attraverso una precoce e sicura diagnosi si può intervenire prontamente sui sintomi, ma allo stesso tempo si può ridurre il rischio di sviluppo di una malattia adesiva e di alte condizioni patologiche che potrebbero alterare la fertilità femminile. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=68578.

Pubblicità

Quando è necessario eseguire la diagnosi differenziale

diagnosi dismenorrea nelle adolescenti

diagnosi dismenorrea nelle adolescenti

Per identificare il quadro della dismenorrea primaria, spesso è necessario eseguire una diagnosi differenziale per escludere oppure per individuare le anomalie mulleriane ostruttive e l’endometriosi, una problematica che dovrebbe essere sospettata anche nelle adolescenti che lamentano dolore mestruale persistente e ricorrente, anche nel caso in cui l’esame ecografico non rivela anomalie imputabili a tale contesto patologico. Le linee guida stilate dall’American College of Obstetrics and Gynecology pongono particolare attenzione sulle diversità che intercorrono tra la comparsa delle lesioni tipiche dell’endometriosi nelle adolescenti e nelle donne di età adulta, per questo è difficile identificare le lesioni endometriosiche da parte dei ginecologi.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *