Infertilità femminile salpingite: la relazione

Comment

Altri articoli Periodo fertile
infertilità femminile salpingite
Pubblicità

Infertilità femminile salpingite

In alcuni casi la causa dell’infertilità femminile è da ascrivere alla condizione patologica della salpingite con cui si fa riferimento ad un processo infiammatorio che interessa le tube di Falloppio dette anche salpingi, se invece  l’infiammazione  interessa anche le ovaie si parla di annessite. I principali responsabili dell’infezione femminile sono soprattutto i batteri che possono raggiungere l’utero  passando attraverso la vagina, i principali fattori eziologici sono rappresentati da: streptococchi, stafilococchi, bacilli tubercolari,  gonococco. In ambito clinico vengono distinte due forme di salpingiti: quelle acute possono essere a loro volta semplici o purulente, quelle croniche a loro volta vengono classificate in diverse categorie delineando la forma atrofica, quella ipertrofica, la granulomatosa aspecifica e quella istmica nodosa. La forma più semplice detta anche catarrale determina un’alterazione nella struttura delle tube, che appaiono molli, elastiche e di consistenza pastosa; la forma purulenta invece causa un ingrossamento delle tube in corrispondenza della zona ampollare dove avviene la fecondazione. Più severa è la condizione della salpingite cronica ipertrofica che si evidenzia quando il volume della tuba aumenta uniformemente, questa forma può evolvere nella variante cronica atrofica se la tuba appare rigida e sottile; si diagnostica invece la salpingite istmica nodosa in presenza di occlusioni delle tube del tratto intramurale spesso associata ad infertilità. Altre notizie su Fertilità età la correlazione.

Pubblicità

Diagnosi e cura

infertilità femminile salpingite

infertilità femminile salpingite

La forma cronica rappresenta una delle principali cause che possono determinare la sterilità, dal momento che l’alterazione permanente delle tube ostacola la fecondazione. La diagnosi viene eseguita mediante l’esecuzione delle analisi del sangue, anche la conferma deriva da altri esami quali l’ecografia pelvica, oppure attraverso il prelievo di tessuto a livello del collo dell’utero, può inoltre essere eseguita una biopsia di tessuto vaginale per il identificare il patogeno responsabile dell’infezione. Per debellare i batteri responsabili della salpingite il medico prescrive una terapia a base di antibiotici, se la patologia non si risolve può essere necessario un intervento chirurgico che permette di ristabilire la completa funzionalità dell’ovaio. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Concepimento ostacolato dall’infertilità femminile: i fattori eziologici.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *