Infertilità per totale o parziale chiusura del lume tubarico

Comment

Altri articoli
Pubblicità

Infertilità per totale o parziale chiusura del lume tubarico

Tra le possibili cause di infertilità nelle donne va segnalata la totale o parziale chiusura del lume tubarico che tende ad alterare la funzione di trasporto dell’ovocita fecondato all’interno dell’utero. In ambico ginecologico, il fattore tubarico rappresenta la principale causa femminile di infertilità nonostante negli ultimi anni si sono verificati dei significativi progressi sul fronte della prevenzione e dello stesso aproccio terapeutico. In presenza di una simile alterazione si viene a ledere l’integrità anatomica della tuba, una condizione imprescindibile per garantire il suo corretto funzionamento e il compimento dei vari compiti che consistono nelle seguenti funzioni: fornire una forma di trasporto e nutrimento dei gameti; trasporto e nutrimento dello zigote; provvedere alla captazione ovulare; mantenere un ambiente che favorisca fecondazione. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo: http://medicinadicoppia.it/LA_STERILITA__DA_FATTORE_TUBARICO.html.

Pubblicità

Le cause più comuni

Infertilità per totale o parziale chiusura del lume tubarico

Infertilità per totale o parziale chiusura del lume tubarico

Diversi fattori sono implicati nel processo di eziopatogenesi del danno tubarico, tra le principali cause si registrano episodi di processi infiammatori che favoriscono l’attivazione dei linfociti e macrofagi da cui dipende la successiva produzione di prostaglandine e citochine, ne consegue la formazione di aderenze, un evento che si viene ad evidenziare per l’azione diretta dei fibroblasti in associazione al deposito di fibrina, queste situazioni determinano la distruzione della tonaca muscolare arrecando dei danni più o meno severi a carico delle cellule ciliate che non possono più rigenerarsi. In seguito alla conclusione dell’infiammazione possono verificarsi altre alterazioni quali: agglutinazione delle fimbrie, scleroatrofia, ipertrofia della tonaca muscolare, deciliazione della mucosa. Lo stadio finale di questo quadro patologico porta all’obliterazione totale o parziale, inoltre possono persistere focolai infiammatori di natura cronica. Un altro fattore eziologico frequente che favorisce l’insorgenza della totale o parziale chiusura del lume tubarico è la presenza di un focus infettivo attivato principalmente da un germe come la Clamidya Trachomatis ed in seconda battuta dal patogeno Neisseriae Gonorreae; tra i  processi infettivi responsabili del quadro patologico ci sono dunque le Malattie Sessualmente Trasmessibili, seguiti poi dai dispositivi contraccettivi intrauterini, dalle manovre intrauterine diagnostiche o/e terapeutiche senza adeguata asepsi ed antisepsi. Anche gli interventi chirurgici con sede nella cavità addominale possono esporre le donne alla formazione di aderenze pelviperitoneali; tra le altre cause che possono provocare infertilità da totale o parziale chiusura del lume tubarico vanno segnalate patologie quali: endometriosi, diverticoli congeniti, assenza di segmenti tubarici, sindromi DES, patologia delle ciglia immobili, tube accessorie.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *