Menopausa tè bianco: la sua azione benefica

Comment

Altri articoli Menopausa
menopausa tè bianco
Pubblicità

Menopausa tè bianco

Tra gli alleati naturali  delle donne in menopausa c’è anche il tè bianco, che deriva dalla pianta della Camelia sinesi, utile anche per il trattamento di altre patologie in quanto dotato di diverse proprietà tra cui l’azione stimolante in caso di stanchezza e la sua  virtù antiossidante efficace contro l’invecchiamento della pelle. Rispetto ad altri tipi di tè, la varietà bianca anche se meno nota e consumata rispetto a al più famoso tè verde e nero, avrebbe un maggior numero di effetti antiossidanti, da ascrivere allo stesso trattamento subito: di fatto il tè bianco è soggetto ad un minor numero di trasformazioni che portano dalla foglia fresca alla preparazione dell’estratto secco da utilizzare come infuso in questo modo conserva  più a lungo l’aroma e le sue qualità da ricondurre al suo mix di principi attivi. Nella formulazione del tè bianco sono presenti infatti: flavonoidi, triterpeni, alcaloidi delle purine tra cui la caffeina, olio essenziale, tannini. Per altre notizie si rimanda alla lettura dell’articolo Menopausa biancospino per prevenire le patologie cardiovascolari.

Pubblicità

Le altre proprietà

menopausa tè bianco

menopausa tè bianco

Per contrastare le conseguenze per la salute dovute all’avanzare della menopausa, il tè bianco può essere assunto quotidianamente come infuso per poter beneficiare del suo effetto antiossidante che contrasta l’invecchiamento cellulare scongiurando così l’assottigliamento dello strato di epidermide; inoltre apporta dei benefici anche a livello cardiaco in quanto rispetto agli altri tipi di tè ha una minore quantità di caffeina; non bisogna poi sottovalutare gli  effetti anti-obesità che si esplica nella capacità del tè bianco di inibire la formazione di nuove cellule adipose, favorendo così il dimagrimento. Recenti studi hanno poi spostato l’attenzione su di un altro aspetto fondamentale: a quanto pare il tè bianco sarebbe in grado di ostacolare le modificazioni cancerogene a cui va incontro il DNA, mettendo in atto delle proprietà più rilevanti rispetto a quelle che possono essere attribuite a quello verde, inoltre le sostanze contenute in esso  favorirebbero anche l’inibizione della formazione di precursori del tumore al colon. Ulteriori notizie si trovano su Menopausa malattie cardiovascolari: cause e cure.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *