Ovulazione stimolazioni ormonali

Comment

Ovulazione
Pubblicità

Ovulazione stimolazioni ormonali

Le donne colpite da anovulatorietà cronica oppure che presentano altre alterazioni che causano irregolarità mestruali per favorire una gravidanza devono normalizzare la fase di ovulazione attraverso il ricorso a delle terapie per la cura dell’infertilità tra cui le stimolazioni ormonali. Per indurre le ovaie a produrre più di un follicolo favorendo in questo modo un incremento della probabilità di restare incinta, il ricorso alla stimolazione ormonale costituisce il primo passo che in molti casi porta la coppia ad intraprendere il percorso di procreazione medicalmente assistita. Le terapie di stimolazioni ormonali prevedono l’assunzione di farmaci specifici quali clomifene oppure gonadotropine (ma anche altri) cjhe possono essere presi oralmente, oppure per via sottocutanea, per via intramuscolare, sono disponibili anche degli spray nasali; indipendentemente dalle modalità di uso si tratta di presidi medici che stimolano la produzione di più follicoli nelle ovaie. Esistono anche alcuni farmaci che possono controllare l’attività dell’ipofisi, stimolando o bloccando la produzione di ormoni. Le terapie di stimolazione o di sovrastimolazione ovarica controllata strutturano le tecnologie di riproduzione assistita con lo scopo di limitare i cicli farmacologici a cui deve sottoporsi una donna. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di Concepimento ovodonazione: come avviene la tecnica di procreazione assistita.

Pubblicità

Le moderne terapie

ovulazione stimolazioni ormonali

ovulazione stimolazioni ormonali

I progressi compiuti in ambito tecnologico hanno interessato anche il campo dei farmaci per la stimolazione ormonale, le principali ricerche si sono orientate sulla possibilità di maturare in vitro i follicoli, una strada che porterebbe ad evitare i rischi legati con la somministrazione dei farmaci che si traducono, anche se raramente, con lo sviluppo di una sindrome da sovrastimolo ovarico oppure con la presenza di disturbi legati alla puntura dell’ovaio per recuperare i follicoli. Attraverso la modalità di stimolazione in vitro, visto che porterebbe a selezionare i follicoli migliori per massimizzare le possibilità di una gravidanza, evitando una grande mole di preoccupazioni e di altri trattamenti che le donne con problemi di fertilità devono affrontare.

Pubblicità






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *