Ritardo ciclo mestruale 10 giorni: i motivi

Ritardo ciclo mestruale 10 giorni: sospetta gravidanza

Se di solito una donna ha le mestruazioni con regolarità, il ritardo ciclo mestruale di 10 giorni può far  sospettare una gravidanza, tenendo conto che l’impianto di una gravidanza avviene di solito dopo 10-12 giorni dal concepimento. Per sicurezza si consiglia di sottoporsi ad un esame del sangue, ed infatti analizzando il dosaggio delle beta HCG si può accertare se una donna è incinta. Il ciclo mestruale è l’insieme delle fasi che dal punto di vista fisiologico si verificano ogni mese nel corpo di una donna, attraverso le quali si prepara ad accogliere un’eventuale gravidanza, di conseguenza le mestruazioni sono la fase del ciclo mestruale in cui sangue e le mucose preparate per accogliere l’embrione vengono espulsi. Non poche donne presentano delle irregolarità mestruali che si manifestano con grandi ritardi, mancanza di ciclo, mestruazioni troppo frequenti dolorose. Se il ritardo del ciclo mestruale non è da attribuire ad una gravidanza le irregolarità possono essere dovute a diversi fattori: stress fisico o psicologico, una perdita o un aumento eccessivo di peso, problemi ormonali, tumori. Maggiori notizie su Ritardi ciclo mestruale: cause fisiologiche e psicologiche.

Come e quando accertare la gravidanza

ritardo ciclo mestruale 10 giorni

ritardo ciclo mestruale 10 giorni

Se una donna ha un ciclo mestruale regolare ed il ritardo si protrae nei giorni potrà verificare se è incinta  facendo un test di gravidanza, ed il momento migliore è già dal quarto giorno di ritardo per evitare il rischio di incappare in falsi negativi, ossia ottenere un risultato falsato questo avviene quando il test dice che non si è incinte, in questo caso il test fallisce perché è stato fatto troppo presto. Il test di gravidanza rivela nelle urine la presenza dell’ormone beta HCG, che può essere rilevato anche grazie ad un esame ospedaliero delle urine già a 6 giorni dal concepimento, ma la sua concentrazione aumenta esponenzialmente  raddoppiando ogni 2-3 giorni fino a raggiungere il picco a circa 60 giorni dal concepimento, dopo circa 74 giorni dall’inizio dell’ultima mestruazione. Il test va eseguito la mattina appena alzate, a digiuno, con la prima urina, senza aver bevuto la notte, questo perché in questo arco di tempo l’urina contiene la maggiore concentrazione dell’ormone beta HCG. Sul test digitale comparirà la scritta “incinta” affiancata dal numero di settimane dal concepimento, mentre sui test classici appariranno due linee colorate se l’impianto di una gravidanza è avvenuto. Altre informazioni su Cause ritardo ciclo mestruale: i principali fattori.

 

 

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

Powered by WordPress | Designed by: free css template | Thanks to hostgator coupon codes and shared hosting

Il network eNook: Artrosi | Bilirubina | Ciclo Mestruale | Colecisti | Colon Irritabile | Eczema e Dermatite | Emoglobina | Ernia Iatale | Escherichia Coli | Fuoco di Sant’Antonio | Cistite | Emorroidi | Leucociti | Mononucleosi | Neutrofili | Scarlattina | Scintigrafia | Streptococco | Transaminasi | Trigliceridi



Copyright 2014 eNook s.r.l.s. | Via F. P. Da Cherso 35 A - 00143 Roma (RM) | Cap.Soc. 200 € | C.F. P.IVA N. 12446141009